luca ferri

film director

dulcinea @ 71 locarno film festival

dulcinea in competition at locarno film festival - signs of life
world première 04.08.2018, h. 21.30, teatro kursaal

una produzione | a production enece film

una giovane ragazza si prepara a ricevere nel proprio appartamento un cliente.
l’uomo, trasposizione di don quijote nella milano degli anni novanta, seguendo una precisa ritualità, si dedica alla pulizia maniacale di quattro stanze. la ragazza, incarnazione di dulcinea, mangia, legge, si mette lo smalto, fuma, si veste e si sveste, come se quijote non fosse presente e come se fra i due non ci fosse alcun rapporto.
il cliente, seguendo uno schema patologico, trafuga alcuni oggetti della ragazza, riponendoli in sacchetti di plastica, e successivamente nella sua valigetta ventiquattr'ore. altre volte gli oggetti di feticcio vengono distrutti, vittime di raptus maniacali, in una meccanica che conduce alla ripetizione di un rito di celibato e di solitudine.


a young girl is getting ready to welcome a client at her apartment.
the man, transposition of don quixote in a 90s milan, following a precise ritual, devotes himself to the maniacal cleaning of four rooms. the girl, personification of dulcinea, eats, reads, paints her nails and smokes. she dresses up and gets undress as if don quixote was not there and as if there was no relationship between them.
the client, following a pathological scheme, steals some girl’s objects, putting them in a plastic bag and then inside a small briefcase. sometimes the fetishized objects are destroyed like victims of maniacal bursts. this mechanism leads to the repetition of a celibate and solitary rite.